Progetti Speciali

2016 – I.T.I. WaterFront 3.0

introduzione

La Regione Marche ha emanato il 03 dicembre 2015 un bando per la presentazione di Strategie di Sviluppo Urbano Sostenibile POR FESR/FSE MARCHE 2014-2020, riservato ai 5 capoluoghi di Provincia più il Comune di Fano. Lo strumento degli ITI_Investimenti Territoriali Integrati è stato infatti individuato come il più adatto a fornire risposte alle problematiche diverse e spesso conflittuali che interessano le aree urbane della Regione Marche.

Le risorse complessive destinate allo sviluppo urbano nel POR FESR ammontano a 17.679.310 euro; tali importi saranno utilizzati per finanziare fino a 3 strategie urbane rimborsando fino ad un massimo dell’80% dei costi ammissibili.

Il Comune di Ancona ha partecipato al bando presentando una strategia che attiva 3 obiettivi tematici:

OT1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione,

OT4 Sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori,

OT6 Tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse.

L’ambito di intervento è localizzato nella parte di waterfront del Porto Antico che ruota intorno al Palazzo degli Anziani e al sistema monumentale archeologico circostante. Gli interventi che compongono la strategia sono i seguenti:

  1. Progetto di tutela e valorizzazione del Palazzo degli Anziani
  2. Centro multidisciplinare innovativo per l’ Heritage Science “Ancona Archeologica” (mappatura digitalizzata archeologica, laboratorio marino, piattaforma realtà aumentata, monitoraggio e diagnostica dei monumenti)
  3. Waterfront 3.0: frontemare smart nella gestione ed uso dell’energia (illuminazione pubblica, piattaforme recharge hub, mezzi eco)
  4. Domotica prototipale a Palazzo degli Anziani
  5. Miglioramento dell’efficienza energetico-ambientale della Palazzina Fincantieri  – nuova sede ISMAR

Il partenariato del programma vede la partecipazione di:

  • Autorità portuale di Ancona
  • ISMAR Centro Nazionale Ricerche_CNR
  • Soprintendenza Archeologica delle Marche
  • Università Politecnica delle Marche

Il 5 agosto 2016, con Decreto del Dirigente della PF Politiche Comunitarie della Regione Marche,  l’ITI Waterfront è stato selezionato come programma finanziabile con un contributo pubblico pari a quello richiesto di € 6.227.000, piazzandosi al primo posto tra le 5 proposte partecipanti.

Il 30 ottobre 2017 è stata sottoscritta la convenzione per la delega al comune di Ancona del ruolo di Organismo Intermedio responsabile dell’attuazione della strategia integrata di sviluppo urbano sostenibile.

documentazione

presentazione

Allegato 01 strategia di sviluppo urbano sostenibile

 

2016 – Bando per la presentazione di progetti per la predisposizione del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia – DPCM 25.05.2016

introduzione

Il bando, pubblicato in GU n.127 del 1.6.2016,  era rivolto a tutte le città metropolitane ed ai capoluoghi di provincia e stabiliva modalità e procedure per la presentazione di progetti di riqualificazione urbana e per la sicurezza delle periferie intendendo con quest’ultimo termine aree urbane caratterizzate da situazioni di marginalità economica e sociale, degrado edilizio e carenza di servizi. La scadenza per l’invio delle proposte era fissata al 31 agosto 2016.

Per l’attuazione del Piano, sono stati stanziati 500 milioni di euro e sono stati fissati i seguenti limiti di finanziamento per ciascun progetto:

max  € 40.000.000 per città metropolitane

max € 18.000.000 per capoluoghi di provincia

Il finanziamento poteva essere finalizzato:

  • alla copertura dei costi di progettazione esecutiva,
  • alla copertura dei costi per procedure di gara e affidamento dei lavori,
  • alla copertura dei costi per la realizzazione dell’intervento.

Gli interventi, da attuarsi senza ulteriore consumo di suolo, potevano riguardare una o più delle seguenti tipologie di azione:

  • progetti di miglioramento della qualità del decoro urbano
  • progetti di manutenzione, riuso e rifunzionalizzazione di aree pubbliche e di strutture edilizie esistenti, per finalità di interesse pubblico
  • progetti rivolti all’accrescimento della sicurezza territoriale e della capacità di resilienza urbana
  • progetti per il potenziamento delle prestazione  e dei servizi di scala urbana, tra i quali lo sviluppo di pratiche del terzo settore e del servizio civile, per l’inclusione sociale e la realizzazione di nuovi modelli di welfare metropolitano e urbano
  • progetti per la mobilità sostenibile e l’adeguamento delle infrastrutture destinate ai servizi sociali e culturali, educativi e didattici, nonchè alle attività culturali ed educative promosse da soggetti pubblici e privati.

L’Amministrazione Comunale, coerentemente ad una strategia complessiva di ridisegno dell’intero waterfront della città, ha ritenuto opportuno incentrare il programma di riqualificazione sul sistema di Periferia Palombella-Stazione-Archi, ambito complesso caratterizzato da una condizione di accentuata marginalità economica e sociale, da un diffuso degrado edilizio e da elevati fattori di rischio idrogeologico.

documentazione

allegato_A RELAZIONE GENERALE

allegato_G DOCUMENTAZIONE GRAFICO/FOTOGRAFICA DEGLI INTERVENTI COSTITUTIVI DEL PROGRAMMA art. 5 – comma 2 del Bando

Presentazione Programma di riqualificazione della periferia Palombella_stazione_Archi Ingresso NORD della città di Ancona

2015 – Interventi per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate (AUD)

riferimenti normativi

Piano Nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate, di cui all’articolo 1, commi 431, 432, 433 e 434 della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015)

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 ottobre 2015 “Interventi per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate” pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 249 del 26 ottobre 2015

il progetto

Progetto di Riqualificazione “AUD_ArhciCittà”

2012 – Piano Città

PianoNazionaleCitta-picture-300x212

riferimenti normativi

art.12 del Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83 “Misure urgenti per la crescita del Paese” (DECRETO SVILUPPO) (GU n.147 del 26-6-2012 – Suppl. Ordinario n. 129)

Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 3 agosto 2012 “Istituzione della Cabina di Regia per l’attuazione del Piano Nazionale per le Città” (GU n.196 del 23-8-2012)

il progetto

progetto di riqualificazione del FRONTE MARE DELLE ECCELLENZE DI ANCONA