Sei qui
Home > news > Bruno d’Arcevia. La poetica del paradosso temporale

Bruno d’Arcevia. La poetica del paradosso temporale

a cura di Antonio Luccarini
Pinacoteca Comunale “F. Podesti” || chiusura temporanea

CHIUSURA TEMPORANEA


Il pittore Bruno Bruni, nato ad Arcevia nel 1946, ha svolto la sua formazione a Roma, dove ha frequentato prima il liceo artistico e poi la facoltà di Architettura. Nei primi anni Ottanta dà vita insieme al critico Giuseppe Gatt al movimento della Nuova Maniera Italiana, divenendo il capofila della corrente Neomanieristica che caratterizza gran parte della sua produzione pittorica. In rottura con le correnti artistiche del tempo, rivivono nelle sue opere i grandi maestri del passato, del Cinquecento e del Seicento, pur attingendo a ogni fonte della storia dell’arte.

La mostra “Bruno d’Arcevia. La poetica del paradosso temporale”, presenta 36 dipinti del maestro, in un arco cronologico che va dal 1973 al 2016, suddivisi nei tre periodi principali del suo lavoro. Un primo nucleo è esposto nella Sala di Arte Contemporanea, un secondo corpus di opere nel piano nobile all’interno delle sale dove sono esposti i dipinti del ‘600 e del ‘700, e un’ultima sezione nella Sala Mostre con opere di più grande formato. È inoltre possibile vedere un docu-film sull’intervento di Bruno d’Arcevia nella Cattedrale di Noto dove ha realizzato nel 2013 l’affresco nel catino absidale.


Antonio Luccarini, curatore della mostra “Bruno d’Arcevia

Mauro Luminari, Presidente dell’Associazione Culturale Marche Atipica promotrice, insieme al Comune di Ancona, della mostra “Bruno d’Arcevia.


INFO
dal lunedì al giovedì dalle 16 alle 19
venerdì dalle 10 alle 19

Biglietteria in vicolo Foschi
Ingresso contingentato, si consiglia la prenotazione
⇒ 071 2225047 (negli orari di apertura)
⇒ museicivici.ancona@gmail.com
Oppure compilare il modulo:
https://forms.gle/ES7ZsCJFBdiUUCdN9
Top