Permesso di soggiorno valido almeno un anno per lo straniero che perde il lavoro

Permesso di soggiorno valido almeno un anno per lo straniero che perde il lavoro
L’estensione è stata introdotta dalla legge di riforma del mercato del lavoro in vigore dal 18 luglio 2012.
 Se un lavoratore straniero subordinato perde il posto di lavoro, anche per dimissioni, il suo permesso di soggiorno rimane valido per almeno un anno. In sostanza, il lavoratore, dopo la perdita dell’occupazione, può essere iscritto nelle liste di collocamento per tutta la residua validità del permesso e comunque, salvo che si tratti di permesso stagionale, per un periodo non inferiore a un anno.
L’estensione del periodo di validità del permesso di soggiorno ‘per attesa occupazione’ da 6 a 12 mesi è una delle novità introdotte dalla riforma del mercato del lavoro (legge 28 giugno 2012, n. 92, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale n.153 del 3 luglio), in vigore dal 18 luglio scorso.

La norma, contenuta nell’articolo 4, comma 30, del provvedimento, modifica la disciplina prevista dal Testo unico sull’immigrazione (articolo 22, comma 11) nell’ottica di potenziare il contrasto all’immigrazione irregolare, non solo ampliando di 6 mesi il periodo concesso per cercare un nuovo lavoro, ma estendendolo di fatto a tutta la durata della prestazione di sostegno al reddito (trattamento di disoccupazione o indennità di mobilità) eventualmente percepita, nel caso in cui sia superiore a un anno.
Le nuove norme, inoltre, prevedono la possibilità, per il lavoratore che presenti determinati requisiti reddituali, di ottenere ulteriori rinnovi del permesso di soggiorno per attesa occupazione.

Fonte: Ministero dell’Interno

Dirigente
Stella Roncarelli