Notizie utili per l’utilizzo del portale (da leggere)

 


Sito Impresa in un Giorno (link)

“ATTENZIONE! Le Segnalazioni Certificate di inizio attività e le Istanze devono essere  inoltrate esclusivamente utilizzando la procedura informatica all’uopo predisposta (Sito  web), l’invio alternativo di pratiche allegate a messaggi di Posta Elettronica Certificata non  è consentito. Le Segnalazioni Certificate di inizio attività e le Istanze che dovessero  comunque giungere alla casella di Posta Elettronica Certificata del SUAP saranno dunque  rifiutate, la ricevuta generata automaticamente dal gestore della casella non produce alcun  effetto amministrativo ai fini dello svolgimento dell’attività di impresa”.


Modulistica:

La modulistica si trova interrogando il menu a cascata nell’area desiderata (vedi sopra)

Nota:

Gli allegati documenti di identità possono essere omessi se e solo se i file in formato pdf sono firmati digitalmente. Il professionista con la procura deve firmare digitalmente tutti gli allegati e le dichiarazioni ivi contenute attestandone la veridicità.

Portale per i professionisti:

Per la consegna delle istanze è possibile registrarsi utilizzando la propria PEC e la firma digitale per firmare i file che devono essere esclusivamente in formato “nome_file.pdf.p7m”

Consigli per l’invio delle istanze:

  1. Si sconsiglia l’uso di Internet Explorer poichè alcune funzioni operative del software risultano inibite (Drag & Drop);
  2. Non usare il sistema operativo Windows XP!
  3. Firmare digitalmente tutti i file che devono essere inviati, utilizzare il proprio software di firma all’interno di una “cartella” del Vs. computer in modo da utilizzare la firma massiva;
  4. all’atto del caricamento dei file utilizzare il tasto “Aggiungi tutti gli allegati”, si aprirà una finestra, in popup, dove potete trascinare tutti i Vs. file dalla cartella di lavoro, cliccare sulla freccetta per caricare massivamente tutti i file;
  5. Se vi dà l’errore “… non sono firmati digitalmente” significa che i file non hanno l’estensione “*.pdf.p7m“;
  6. Attenzione perché alcuni software di firma digitale mal settati dall’utente accodano per ogni firma aggiunta il “p7m” trasformando il nome del file in “Nome file.pdf.p7m.p7m“, l’applicazione comunale in questo caso dà errore! Basta semplicemente eliminare le estensioni aggiunte e riportare il nome file come descritto al punto 5;

Come si invia una procura per l’accesso agli atti amministrativi:

Si può operare in due modi:

1. Il professionista può inviare una procura a suo nome ed allegare all’interno della pratica “Accesso agli atti” la modulistica “Richiesta accesso agli atti“, generalmente questo si fa quando l’accesso agli atti viene eseguito su delega del tribunale;

2. Farsi firmare un procura dal proprio cliente ed inviare la pratica di accesso agli atti utilizzando sempre la modulistica specifica;

Come si invia una procura per i lavori di manutenzione straordinaria nei condomini:

La procura va compilata a nome del condominio utilizzando i dati riportati nel cedolino d’attribuzione del codice fiscale assegnato. Per la data di nascita indicare la data di attribuzione del codice fiscale.

La procura sarà accompagnata dalla firma dell’amministratore protempore con copia della carta di identità, nel caso che l’amministratore protempore firmasse digitalmente il file omettete pure di allegare la copia della carta di identità.

Utilizzare “Impresa” ed inserire i dati del conferente procura (amministratore) poi di dati del Condominio

Allegare il file in PDF firmato digitalmente in formato p7m

Poi cliccare su conferma


Postazioni con Windows XP (si sconsiglia vivamente di usare XP)

Windows XP in generale è fuori supporto da parte di Microsoft ormai da 2 anni, non riceve più alcun aggiornamento di sicurezza:
http://windows.microsoft.com/en-us/windows/service-packs-download#sptabs=xp

venendo a mancare gli aggiornamenti (le cosiddette “patch”) rilasciati periodicamente, i computer dotati del sistema operativo Windows Xp diventano inevitabilmente postazioni insicure in termini di sicurezza informatica.

Si precisa inoltre che la Service Pack 2 di Windows XP, anzitutto, non supporta lo SHA256, quindi è una piattaforma obsoleta e insicura per questo solo fatto (non per nulla i browser hanno deciso l’anno scorso di abbandonare lo SHA1 per passare allo SHA256) si consiglia almeno di installare la SP3.

Se la postazione ha come SO WinXp SP2 e non si è ancora provveduto ad aggiornarlo, alcuni malfunzionamenti possono essere superati usando il browser Firefox, pur raccomandando fortemente di installare almeno la SP3 nella consapevolezza di utilizzare un sistema operativo fuori supporto.


 

image_pdfimage_print